Vai al contenuto principale

A Perugia, nell’Aula Magna della Scuola Interdipartimentale di Medicina e Chirurgia dell’Università, domani, venerdì 31 marzo 2017, alle ore 15, si svolgerà un convegno dedicato alla distrofia muscolare di Duchenne, organizzato dalla Scuola Interdipartimentale di Medicina e Chirurgia e dall’Accademia Anatomico-Chirurgica di Perugia, in collaborazione con Parent Project onlus, l’Associazione di genitori di bambini e ragazzi affetti da questa grave patologia genetica rara.

 Al convegno parteciperanno Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Ateneo di Perugia, Emilio Duca, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, Maurizio Dal Maso, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Terni, oltre ad accademici e ricercatori impegnati in studi correlati con la distrofia muscolare di Duchenne. Al centro dell’incontro sarà il progetto di ricerca “L’utilizzo di cellule di Sertoli microincapsulate nella distrofia muscolare di Duchenne. Verso l’applicazione sui pazienti”, coordinato dal Prof. Guglielmo Sorci (Dipartimento Medicina Sperimentale) in collaborazione con i professori Riccardo Calafiore (Dipartimento Medicina) e Giovanni Luca (Dipartimento Medicina Sperimentale).L’iniziativa ha lo scopo di indagare l’applicabilità di una potenziale strategia terapeutica basata sull’impiego di cellule di Sertoli per contrastare l’infiammazione e la degenerazione muscolare nella distrofia muscolare di Duchenne.  
La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. I progetti di ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e raddoppiare l’aspettativa di vita dei ragazzi. A rappresentare il mondo associativo legato alla comunità Duchenne, interverrà Nicoletta Madia, Responsabile comunicazione, raccolta fondi e relazioni internazionali di Parent Project onlus, realtà da 20 anni impegnata nel sostegno alla ricerca e nel supporto alle famiglie che convivono con la patologia. A margine dell’incontro, chi lo desidera potrà contribuire a sostenere il progetto coordinato dal Prof. Guglielmo Sorci, prenotando le uova pasquali di Parent Project, nell’ambito della campagna nazionale di raccolta fondi “A Pasqua fai una sorpresa alla ricerca!” promossa dalla onlus. Quest’anno il ricavato dell’iniziativa verrà devoluto al progetto dedicato alle cellule di Sertoli. La Scuola Interdipartimentale di Medicina e Chirurgia, istituita nel 2014 a seguito dell’abrogazione delle Facoltà nelle università italiane, è la struttura di raccordo dei Dipartimenti di Medicina, Medicina Sperimentale, e Scienze Chirurgiche e Biomediche dell’Università degli Studi di Perugia, avente quale scopo il coordinamento delle attività didattiche dei Corsi di Laurea afferenti ai tre Dipartimenti e delle connesse attività assistenziali presso il Policlinico “Santa Maria della Misericordia” in Perugia e il Policlinico “Santa Maria” in Terni(http://www.unipg.it/ateneo/organizzazione/scuola-interdipartimentale-di-medicina-e-chirurgia). L’Accademia Anatomico-Chirurgica di Perugia è stata fondata nel 1802 per merito del Prof. Pacifico Luigi Pascucci, medico e docente di materia medica. Nato a Perugia nel 1774, Pascucci progetta e realizza l’Accademia Anatomico-Chirurgica e compila nel 1802 il primo statuto della stessa. Questa data rappresenta l’atto di nascita dell’Accademia. Il riconoscimento ufficiale dell’Accademia avviene quasi immediatamente da parte del Cardinale Agostino Rivarola, Visitatore Apostolico in Perugia. Il 2 Ottobre 1993 viene pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale No. 232, l’attuale Statuto dell’Accademia Anatomico-Chirurgica di Perugia, a seguito di apposito decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica del 13 Novembre 1992. L’Accademia si configura come un Ente Morale che si dedica a ospitare sedute scientifiche in ambito biomedico, a patrocinare premi di laurea o di dottorato, a ospitare letture magistrali di eminenti studiosi, e a collaborare all’attività didattica del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Ateneo Perugino (http://www.med.unipg.it/accademia). Parent Project onlus è un’associazione di genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker.  Dal 1996 lavoriamo per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine dei nostri bambini e ragazzi attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che ci hanno fatto crescere fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie dei bambini che convivono con queste patologie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica al riguardo e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave.www.parentproject.it

Vai a inizio pagina
Sommario