Vai al contenuto principale

Continua “Scienza infusa”, il ciclo di incontri informali di divulgazione scientifica ospitati in alcuni caffè di Perugia, a maggio e a giugno, all’ora del thè; relatori sono scienziati di tutti i Dipartimenti dell’Università di Perugia. Domani, mercoledì 17 maggio 2017, a Umbrò (Via Sant'Ercolano, 2), la professoressa Silvana Diverio, del Dipartimento di Medicina Veterinaria, affronterà il tema  “I cani sono i migliori amici dell’uomo”.

 La recente emergenza terremoto che ha coinvolto l’Umbria ha evidenziato l’importanza di avere un sistema di primo intervento con Unità Cinofile da Soccorso specializzate. L'impiego dei cani da soccorso è utilizzato in tutto il mondo per diverse tipologie di intervento e/o calamità: i cani da valanga, macerie e superficie. Grazie alla loro incredibile motivazione a collaborare con l’uomo, forniscono un aiuto prezioso e insostituibile nell'individuazione di persone disperse. Tuttavia, numerosi fattori di stress, sia del cane sia del conduttore, possono incidere sul successo delle operazioni si soccorso causando una perdita inaccettabile di vite umane. Obiettivo dello studio è  acquisire una maggiore conoscenza sulle capacità e modalità di percezione olfattiva dell’odore umano nel cane e dell’impatto dei fattori limitanti il successo della ricerca di dispersi, per ottimizzare le strategie operative, assicurare una tempestività di intervento e aumentare quindi le probabilità di ritrovamento in vita le persone disperse.Conoscere il cane è anche il primo passo per prendersi cura di loro nel pieno rispetto della loro diversità. La relazione con l’animale è un valore aggiunto e straordinario nella nostra vita che può insegnarci molte cose su come vivere in mezzo agli uomini.  Il progetto RandAgiamo® ha lo scopo di fare comprendere come il cane di canile, nell’immaginario collettivo considerato come un rifiuto e un problema per la società, si possa trasformare in una risorsa preziosa per tutti, anche per chi vive momenti di difficoltà. I successivi incontri:Giovedì 18 maggio 2017: Vivace – Filippo Ubertini: “Il monitoraggio sismico per la conservazione preventiva delle costruzioni storico-monumentali: esperienze a seguito della sequenza sismica del centro Italia 2016-2017”.

Vai a inizio pagina
Sommario