Vai al contenuto principale

Si apre lunedì 15 e proseguirà fino al 19 ottobre un’altra settimana all’insegna delle relazioni internazionali dell’Università degli Studi di Perugia, con 44 partecipanti stranieri provenienti da 38 università di 18 paesi, europei ed extra-europei.

Organizzata dall’Area Relazioni Internazionali dell’Ateneo, la settimana propone un corso su “Internazionalizzazione e gestione di progetti educativi europei” che prevede tre giorni di formazione, interamente in lingua inglese, seguiti da due giorni di visite a strutture storiche dell’Università, quali Palazzo Murena, il complesso di San Pietro con annesso il giardino medievale, Palazzo Bernabei ad Assisi, e, dulcis in fundo, la visita al Museo della Perugina.

I partecipanti sono funzionari amministrativi, coinvolti a vario titolo nella gestione dei flussi di studenti che si muovono grazie agli accordi Erasmus, i quali intendono migliorare le proprie conoscenze e competenze, oltre che incontrare nuovi partner per progetti educativi congiunti, come ad esempio doppi titoli.

L’Unione Europea, grazie alla piattaforma IMOTION, che sta per Integrazione e Promozione di corsi di formazione per lo staff di Università Europee, consente l’inserimento, la promozione e la consultazione di eventi internazionali volti a favorire lo sviluppo delle risorse umane, in questo caso i dipendenti degli istituti di istruzione superiore europei, che hanno così la possibilità di partecipare, anche grazie ai fondi Erasmus+ destinati alla mobilità del personale, a tali iniziative. IMOTION è quindi uno dei canali principali attraverso i quali è stata pubblicizzata anche l’International Staff Week dell’Ateneo di Perugia e attualmente promuove circa 80 “Staff week” che si svolgeranno da qui al 2019. Di queste, solamente due si terranno in Italia: a giugno presso l’Università di Foggia e a Perugia a partire, appunto, dal 15 ottobre 2018.

L’elenco completo degli eventi promossi da IMOTION è consultabile al seguente indirizzo: http://staffmobility.eu

Tra i 44 partecipanti stranieri, il gruppo più numeroso proviene dalla Polonia (12 persone da 11 università), seguito da Turchia (5 da 5 atenei), Germania (3 da 3 atenei) e Lituania (3 da due). A seguire, con un solo partecipante o due, Albania, Belgio, Bulgaria, Estonia, Francia, Georgia. Lussemburgo, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svezia e Ungheria.

Per ulteriori informazioni:

Area Relazioni Internazionali:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

perugia2c tela di culture e conoscenze irene moreno peralta 2018

(Foto vincitrice del concorso "Perugia, lasciati ricordare!" edizione 2018 - credit Irene Moreno Peralta)

 

 

Vai a inizio pagina
Sommario