Vai al contenuto principale

Il professor Michele Battistoni, docente di Fluidodinamica delle Macchine e di Macchine a fluido nel Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia,  è stato nominato‘visiting professor’ alla  King Abdullah University of Science and Technology” (Kaust),  prestigioso ateneo privato, con sede a Thuwal, in Arabia Saudita, di alto profilo scientifico nell’ambito di ingegneria, fisica, chimica e scienze; sta operando, in questo periodo, presso il Clean Combustion Research Center (CCRC), Physical Science and Engineering Division.

Battistoni ha in corso un progetto che coinvolge il Dipartimento di Ingegneria di Perugia e Kaust, finanziato interamente dall’Università saudita, del valore totale di un milione di euro, di cui 200.000 per Perugia, col quale sono finanziati due dottorati, postdoc e programmi di scambio.

 

michele battistoni 1

               (Il Prof. Battistoni)

 

“Il progetto prevede lo sviluppo di un software di fluidodinamica computazionale ambizioso, che cerca di colmare il gap nel trattare i flussi di fluidi supercritici e subcritici, in maniera unificata e con elevata accuratezza – sottolinea il professor Battistoni -. Il campo di impiego riguarda i futuri sistemi di propulsione terrestri ed aerei e di produzione di energia. Si sta assistendo infatti a un continuo aumento delle pressioni e temperature di esercizio nei motori per massimizzarne l’efficienza e la sostenibilità. Questi modelli richiedono risorse di calcolo parallelo massivo e know-how molto specializzato e Kaust con il Supercomputing Core Lab offre ottime possibilità in questo contesto”.

 

Vai a inizio pagina
Sommario