Vai al contenuto principale

Il Dipartimento di Lettere dell’Università degli Studi di Perugia ha ospitato la seconda edizione della Summer School in Storia del lavoro intitolata “Chi sono i lavoratori?”.

Organizzata e finanziata dall’Ateneo perugino e dalla Società italiana di storia del lavoro, ha visto la partecipazione di otto studenti (tra laureati magistrali e dottorandi di ricerca) e quattro docenti (Andrea Caracausi, Pietro Causarano, Federica Morelli e Stefano Musso) provenienti da varie università italiane.

La prima parte della Summer School è stata dedicata all’illustrazione delle molteplici caratteristiche professionali e sociali dei lavoratori liberi e non liberi durante l’età moderna, degli operai di fabbrica in età contemporanea e degli insegnanti.

Nella seconda parte si è dato spazio agli studenti, che hanno esposto progetti specifici di studio riguardanti argomenti di storia del lavoro che stanno o intendono portare avanti e di perfezionarli con l’aiuto dei docenti.

Dai tre giorni di lezioni, esercitazioni e discussioni sono emerse due constatazioni fondamentali, come evidenzia il dottor Paolo Raspadori, coordinatore della Summer School.

La prima è l’impossibilità di racchiudere in modelli interpretativi rigidi le variegate figure che hanno animato negli ultimi cinque secoli il mondo del lavoro in Occidente. Perfino gli schiavi e i lavoratori coatti nelle colonie americane presentavano, pur nella generale condizione di sopraffazione e deprivazione a cui erano sottoposti, situazioni di impiego e margini di libertà di azione differenti a seconda dei contesti sociali ed economici in cui si trovavano a vivere. I confini tra occupazione libera e non libera, tra posizione autonoma e subordinata, tra bassa e alta qualificazione furono per lunghi intervalli temporali, e in una certa misura lo sono perfino attualmente, molto labili ed estremamente mobili. Tale elemento rende difficile spiegare con schemi tradizionali (ad esempio operai di fabbrica versus manovali, garzoni di bottega versus maestri artigiani, servi versus lavoranti a ingaggio, ecc.) i rapporti esistenti tra le professioni svolte all’interno di una popolazione.

La seconda è relativa agli ambiti ancora poco esplorati della storia del lavoro e all’interesse che essa suscita nelle nuove generazioni. I progetti e le intenzioni di ricerca presentate dai partecipanti alla scuola, infatti, vanno dall’esame dei mestieri gravitanti attorno alla produzione e commercializzazione dello zucchero in età moderna allo studio delle migrazioni interne nella Cina contemporanea, dall’analisi del fenomeno dell’autogestione nella ex Jugoslavia della seconda metà del Novecento a quella delle assistenti sociali nel Nord Est italiano degli ultimi decenni. Gli elaborati degli studenti hanno dimostrato come le occasioni per approfondire la conoscenza storiografica del lavoro siano numerose e feconde di ulteriori sviluppi per una materia che, seppur poco valorizzata nell’ambiente accademico, è di grande importanza per decifrare i cambiamenti socioeconomici a cui stiamo assistendo dalla caduta del muro di Berlino ad oggi.

 

summer school lavoro 2

(I partecipanti e i docenti della Summer School)

Vai a inizio pagina
Sommario