Vai al contenuto principale

L’obiettivo è lo sviluppo di competenze digitali su tecnologie quali AI, Big Data, Cloud Computing, attraverso una piattaforma di apprendimento on line. Salgono a quattro gli enti formativi italiani che adottano questa soluzione, in uso presso vari atenei di livello internazionale.

Perugia, 3 dicembre 2019: L’Università degli Studi di Perugia è entrata a far parte della Huawei ICT Academy. L’accordo è stato presentato ufficialmente oggi in Ateneo nel corso di una conferenza stampa presieduta dal Magnifico Rettore Prof. Maurizio Oliviero, tenutasi nell’ Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria.

Insieme al Rettore, il Vice Presidente Enterprise Business Group - Huawei Western Europe, Geng Wenfeng, rappresentanti delle Autorità cittadine e regionali fra i quali l’Assessore regionale allo Sviluppo Economico, Innovazione Digitale e Semplificazione Michele Fioroni e Erika Borghesi, in rappresentanza della Provincia di Perugia e il Professore Ermanno Cardelli, Direttore del Dipartimento di Ingegneria. Presenti all’incontro anche Augusto Vasselli e Francesco Donadio, rispettivamente presidente onorario e CTO di PA Evolution.

 da sx wu tao oliviero wenfeng 3811

(Da sinistra: Wu Tao, Delivery & Service Director, Huawei Italia; Prof. Maurizio Oliviero, Magnifico Rettore Università degli Studi di Perugia; Geng Wenfeng, VP Enterprise BG, Huawei Western Europe)

 

Grazie a questa partnership, promossa e coordinata dal Prof. Gianluca Reali, gli studenti dell’Università di Perugia avranno l’opportunità di sviluppare le proprie competenze ICT per essere maggiormente competitivi, attraverso una formazione pratica completa e una certificazione professionale rilasciata dall'Academy.

 

gianluca reali 3770

(Il Prof. Gianluca Reali, promotore e coordinatore dell'accordo)

 

Le competenze digitali in Italia all'interno delle imprese sono purtroppo ancora limitate. Secondo il Rapporto annuale 2018 dell’Istat, l’80% delle aziende nella Penisola è caratterizzato da un basso profilo tecnologico sul piano dell’ICT.

Le nostre imprese e il nostro sistema produttivo registrano numeri importanti con 500 miliardi di export, oltre 10.000 startup innovative danno lavoro a 60 mila persone e hanno un valore della produzione che ha sfiorato 1,2 miliardi di euro. Ma sul digitale possiamo fare molto di più, visto che nel 2019 siamo ancora al 24° posto in Europa, secondo la classifica Desi (Digital Economic and Society Index) pubblicata dalla Commissione Europea.

Il Rettore Maurizio Oliviero ha commentato l’accordo: “La dimensione internazionale delle reti d’impresa ci impone di offrire una formazione all’avanguardia nel campo delle nuove tecnologie, al fine di trasformare le sfide del mercato globale in opportunità concrete per i nostri studenti, docenti e ricercatori. Grazie all’accordo con la Huawei ICT Academy, l’Ateneo offrirà non solo la possibilità concreta di potenziare e certificare le competenze dei partecipanti ma, proprio a grazie a tale arricchimento, svolgerà quel ruolo fondamentale nello sviluppo delle competenze territoriali che gli è proprio, con importanti ricadute sul tessuto economico e sociale. Si tratta di una grande opportunità per tutti.”

Geng Wenfeng ha dichiarato: “Come sappiamo, il mondo e la tecnologia stanno evolvendo molto velocemente, in particolare nel settore ICT. Un numero sempre maggiore di talenti ICT e un clima di collaborazione possono aiutarci a creare nuove opportunità a vantaggio di tutti. Huawei è impegnata costantemente a realizzare un ecosistema sano, aperto ed efficiente. Puntiamo sul talento e sulle risorse professionali europee con l’obiettivo di svolgere un ruolo attivo nella crescita economica dei Paesi in cui operiamo. Nelle università italiane abbiamo trovato un importante capitale di ingegno ed energie. Siamo fermamente convinti che attraverso iniziative come la Huawei ICT Academy, in cui abbiamo il piacere di accogliere la prestigiosa Università degli Studi di Perugia, che fa parte del nostro più ampio impegno per l'educazione STEM, si possa favorire lo sviluppo di know-how distintivo da parte delle giovani generazioni per rispondere alle esigenze di competenze digitali del mondo imprenditoriale. La partnership tra Huawei e l’Università degli Studi di Perugia offrirà agli studenti l'opportunità di apprendere nuove competenze rilevanti nel settore, consentendo loro di soddisfare le proprie ambizioni in campo scientifico e tecnologico e di contribuire alla crescita digitale dell’Italia.”

 

univ. perugia huawei ict academy 03.12.19 

 

La Huawei ICT Academy

La Huawei ICT Academy è un progetto di partnership senza scopo di lucro tra Huawei e le università di tutto il mondo. Ad oggi, Huawei ha già sottoscritto accordi con oltre 300 università a livello globale che hanno coinvolto oltre 10.000 studenti, attraverso più di 450 istruttori dell'accademia.

La Huawei ICT Academy è una piattaforma di apprendimento online basata sul web che supporta i metodi didattici e il processo di gestione dell'università, fornendo un unico punto di accesso per amministratori universitari, insegnanti e studenti. Al termine dei corsi, viene rilasciata agli studenti una Certificazione Huawei riconosciuta dal mercato.

Attraverso questo progetto, le università possono offrire corsi sulle tecnologie ICT all'avanguardia di Huawei, incoraggiare gli studenti a ottenere la relativa certificazione, promuovendo così professionisti con nuove competenze pratiche per il settore ICT.

La Huawei ICT Academy offre molteplici corsi e metodi di insegnamento flessibili e innovativi su tecnologie quali Intelligenza Artificiale (AI), Cloud Computing, Big Data, Internet of Things (IoT), Routing/Switching, Sicurezza e Storage.

Alcuni esempi di collaborazione di successo includono la Shanghai Jiao Tong University, Shenzhen Polytechnic, University of Reading (Regno Unito), Tshwane University of Technology (Sudafrica), University of Sydney (Australia).

Recentemente la Huawei ICT Academy è approdata anche in Italia e, oltre alla collaborazione con l'Università di Perugia, sono stati siglati partenariati con il Politecnico delle Marche, l'Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro (ASPAL) della Regione Sardegna e la Scuola Vega di Roma.

 

Vai a inizio pagina
Sommario